Senza intenti bellicosi proviamo a capire cosa c’è dietro una delle parole più abusate nella comunicazione di massa.
Perché nei servizi di telegiornale per parlare di qualunque cosa si dice “sul fronte” di qualcosa?
Il linguaggio si sente in guerra?

testa.jpg

Ospiti di questa puntata Angelo Miotto, caporedattore di Peace Reporter, Manola Sarmati, esperta di medicina estetica, Elisabetta Tola, giornalista esperta di scienza e conduttrice di Pigreco Party e Luca Alessandrini, direttore dell’Istituto storico Parri dell’Emilia-Romagna.

Eccoci qua, dopo una lunga pausa Cervello è tornato. Questa volta insieme a Silvia Branca scopriamo come avviene il confronto tra le donne native e migranti nell’associazione Hannassim di Bologna. Antonella Stasi della Fiom-Cgil di Parma ci racconta nei dettagli come avviene il confronto sindacale e come una sindacalista trova il coraggio di fare assemblea nelle piccole aziende metalmeccaniche a prevalenza maschile, dove lo spogliatoio sostituisce la saletta sindacale. Con Cristian Vaccari, studioso di comunicazione politica dell’Università di Bologna, ci affacciamo sul confronto elettorale oltreoceano.

Qual è l’espressione vi promettete di non usare più? In questa puntata Danilo Gruppi, della Camera del Lavoro di Bologna, ci dice la sua in Non lo dirò mai più. Voi potete farlo su questo blog o scrivendo a cervellodiscorta@libero.it

Riccardo della ciclofficina Ampio Raggio (che ricicla le bici dentro al centro sociale EXM24 in via Fioravanti 24 a Bologna) ci ricorda che sabato 9 febbraio ci sarà la consueta critical mass del secondo sabato del mese con partenza da piazza Nettuno alle ore 16.

Vi interessa?

nixon_mao.jpg

Cari ascoltatori, care ascoltatrici,

per cause di forza maggiore, Cervello di scorta deve rimandare ancora il confronto promesso.

Abbiate pazienza e presto parleremo di confronto elettorale negli Usa e in Italia, di confronto fra donne native e migranti nell’associazione Anassim, del lavoro di una delegata sindacale che nel confronto con la controparte rappresenta i suoi colleghi maschi.

E a voi cosa fa venire in mente questa parola? In attesa di ritrovarci in onda sulle frequenze di Radio Città del Capo giovedì 7 febbraio 2008, scriveteci qui un vostro commento oppure mandateci una mail all’indirizzo cervellodiscorta@libero.it

Potremo invece incontrarci dal vivo alla critical mass in programma per sabato 2 febbraio a Bologna, con appuntamento in piazza del Nettuno alle 16 per un pomeriggio a basso tasso di smog. Tutti i particolari sul sito della ciclofficina Ampio raggio.

A presto!

Care ascoltatrici e cari ascoltatori di Cervello di scorta,

sia che ci sentiate in diretta sulle frequenze di Città del Capo – Radio Metropolitana o quando piace a voi su questo blog, ci scusiamo per la nostra latitanza di giovedì 17 gennaio. L’influenza comincia a colpire nel segno e, anche se non lascia a casa, come sapete fiacca il corpo e il cervello.

Vi diamo appuntamento per giovedì 24 gennaio. Nel frattempo, se volete avere un confronto con noi, potete lasciare traccia di voi qui con un post oppure scriverci a cervellodiscorta@libero.it. Se vi piace la carta, però, indirizzate a: via Berretta Rossa 61/5, 40133 Bologna.

Voi potete dirci quello volete. A noi piacerebbe sapere quali sono le parole che vi piacciono o vi tormentano.

A presto!

Non solo munnezza nella puntata in onda il 10 gennaio 2008. Cervello di scorta saluta il nuovo anno con un netto rifiuto.

Insieme a noi in questa trasmissione ci sono Gaetano Mangiameli, antropologo del dipartimento di Discipline storiche dell’Università di Bologna; Maurizio Ceccucci, presidente dell’associazione telematica tartufai italiani; Elisa Coco delle Comunicattive; Karin Maria Faistnauer Catanese, presidente dell’associazione Donne e futuro e Giamba, della ciclofficina Ampio raggio.

pep07_d_g_wf2.jpg

Una puntata a ruota libera

Ospiti: Franco La Cecla, antropologo; Riccardo Giuliani, astrofilo di Adia; Silvestro Ramunno, caporedattore del quotidiano il Domani di Bologna; Grazia Verasani, scrittrice; Dacco, della ciclofficina Ampio Raggio.

Le immagini sono uno dei mezzi più usati per fare la promozione di qualunque cosa. E’ più radicale promuovere se stessi attraverso un’immagine o usare la propria immagine per promuovere qualcosa?

Nella puntata del 6 dicembre 2007 giochiamo a calcio rigorosamente in promozione e distribuiamo creme di bellezze per un marchio in promozione.

Niente immagini, solo audio. Le voci sono quelle di Michele Girotti, presidente della squadra di calcio Progresso; Daniele Caboli, responsabile marketing di Coop Adriatica; la signora Casolari dell’associazione Xenia; Francesco, ex promoter; gli amici di Ampio Raggio.

E’ vero che il ciclo lunare influisce sulla vita terrestre? Ha senso programmare il taglio dei capelli e la ceretta in base al ciclo del nostro satellite? Cosa significa lavorare a ciclo continuo? Funziona e fa bene la pillola che abolisce il ciclo mestruale? La privatizzazione degli acquedotti intralcia il ciclo dell’acqua?
carica2.jpg

Nella puntata del 29 novembre 2007 abbiamo fatto queste domande ad alcuni ospiti: Roberto De Paolis, macchinista e rappresentante dei lavoratori per la sicurezza; Paola Piattella, ginecologa dell’Aied; Marco Bersani, presidente del Forum italiano dei movimenti per l’acqua.

Virus

Che fine ha fatto il virus dell’aviaria?

E’ un’impressione o da qualche tempo si parla molto meno di virus informatici ?
Nella puntata del 22 novembre 2007 abbiamo posto la prima domanda a Tom Jefferson, medico epidemiologo autore di Attenti alle bufale che è anche un sito internet.

Per la seconda, invece, ci siamo rivolte a uno scopritore di bufale informatiche, il giornalista e divulgatore scientifico Paolo Attivissimo.

Ascolta la puntata

Che cos’è una carica, per un agente di polizia? Ce lo spiega Enzo Marco Letizia, segretario nazionale dell’Associazione nazionale funzionari di polizia.

carica2.jpg

Quanto può essere carica una valigia? Ce lo racconta Roberto Fattori, che carica e scarica i bagagli dagli e sugli aerei che all’aeroporto Marconi di Bologna.Insieme a Massimiliano Varriale, consulente scientifico del programma “Clima e energia” del WWF Italia, scopriamo i vantaggi del caricabatterie per pile non usa e getta e gli accorgimenti per garantire la massima efficacia economica e ambientale di questa carica.

Tutto questo nella puntata – molto carica – del 15 novembre 2007 .